Cosa sono I sensori Pir Anti Intrusione

Uno dei componenti più importanti in un antifurto della casa è rappresentato dal sensore Pir. Si presenta come una piccola scatola con una lente in plastica ed è in grado di rilevare il movimento di un corpo umano a distanza. Va utilizzato insieme alla centralina a cui invia un segnale di allarme.

Vengono utilizzati in tantissimi elettrodomestici perchè poco costosi, piccoli ed in grado di assorbire un livello minimo di energia elettrica. I sensori infatti trovano impiego nel settore industriale, in quello automotive e nei componenti elettronici e nella domotica per la casa. Molto utili anche nel controllo dell’ illuminazione, ad esempio fanno accendere la luce quano una persona entra in una stanza.

Nel nostro caso, funzionano bene come anti intrusione. Rilevano la presenza di un corpo umano a distanza di diverse decine di metri.sensore-pir

Come funzionano:

ogni corpo umano emette calore. Il sensore Pir è in grado di “captare” a distanza la variazione di temperatura all’interno di una stanza. In pratica memorizza i dati nel momento di stasi, quando nessuno è presente, al momento dell’accensione e si accorge della differenza che si viene a creare quando qualcuno entra nella zona sottoposta al suo controllo. La funzione “pet immune” presente nella maggiorparte dei prodotti fa sì che il sensore non debba rilevare l’allarme quando passano davanti alla sua zona animali domestici oppure uccellini se installati all’aperto.

Un PIR è in pratica costituito da un piccolo sensore piroelettrico in grado di rilevare i livelli di radiazione infrarossa. Si trova all’interno della scatolina che va installata a muro. Questo sensore emette alcune radiazioni di raggi infrarossi che leggono la temperatura di un corpo a distanza .

Non ci sono soltanto i sensori passivi, ma anche quelli attivi. In questo caso il raggio emesso viene riflesso da un altro sensore specchio posto davanti all’ altro. Sono utilizzati per creare delle barriere perimetrali anti intrusione, ovvero per proteggere le zone esterne come muri perimetrali e giardini. Si crea un raggio invisibile che se attraversato da un intruso si interrompe e fa scattare l’allarme.

I Pir possono essere utilizzati all’interno oppure all’ aperto. In quest’ultimo caso devono possedere un alto grado di protezione IP per resistere ad agenti atmosferici come pioggia, neve e vento. Sono dotati anche di sistemi anti accecamento, antistrappo. Lavorano spesso su una doppia frequenza ridondante, in modo da poter essere difficilmente intercettati quando inviano il segnale alla centralina.

I prezzi per un Pir interno è molto basso. Circa 20-40 euro. Ovviamente ci sono anche sensori che superano i 100 euro. Un pochino più cari quelli attivi da esterno che riescono a coprire anche perimetri di 100 metri. In questo caso il prezzo arriva anche a 200-300 euro la coppia.

I sensori a microonde

un’altra tecnologia nella rilevazione del movimento di una persona all’ interno di una stanza è quella che utilizza le microonde. In questo caso si tratta di radio frequenze. La tecnologia ad infrarossi e microwave può essere anche usata congiuntamente, in questo caso avremo sensori detti “a doppia tecnologia”. L’allarme viene attivato solo se i due controlli (microonde e infrarossi) hanno dato esito positivo).

Risorse

Sensore infrarossi wikipedia

Come far Interagire gli Elettrodomestici con la Domotica e IFTTT

Si chiama Internet delle cose o IFTTT acronimo di If this then that ovvero “se accade questo come conseguenza deve succedere quest’altro“, una tecnologia per far interagire vari dispositivi elettronici connessi tra loro. IFTTT è un portale creato tanti anni fa ora diventato un punto di riferimento per chi vuole divertirsi a creare iterazioni fra vari dispositivi.

Facciamo qualche esempio: un’applicazione che invia un messaggio sms quando esce un nuovo Tweet, oppure una mail inviata se inizia a piovere nella nostra città. Si chiamano Recipes, ovvero ricette, script già pronti per essere utilizzati e che automatizzano vari aspetti dei nostri smartphone. Insomma siamo solo all’inizio anche perchè IFTTT può integrarsi con la domotica, ovvero con l’automazione della casa, ma anche con prodotti già disponibili sul mercato come i vasi smartwatch e le luci Philips Hue. Divertente è veder cambiare il colore della luce a seconda di una foto postata su Instagram.

domotica

Possiamo controllare a distanza, da Internet, l’accensione e spegnimento dei nostri termosifoni (ad esempio grazie ai cronotermostati wifi come NetAtmo oppure Nest), nonchè la regolazione della temperatura, chiudere le tapparelle, far partire l’irrigazione, oppure gestire il nostro antifurto per la casa. Molte centraline infatti permettono la gestione completa tramite internet. Siamo in grado quindi sia di attivare e disattivare l’allarme, ma anche avere in tempo reale la situazione del nostro appartamento. Se qualcuno si introduce infatti nella nostra casa, il sistema ci avvisa inviandoci un alert via app. Possiamo, tramite telecamere installate in casa, vedere in tempo reale chi si è introdotto e registrare anche video e ascoltare i suoni.

Insomma la tendenza è quella di avere connessi tutti i dispositivi di casa. Elettrodomestici che parlano tra loro sincronizzandosi tramite il linguaggio KNX, ormai divenuto standard nella domotica. I condizionatori possono così attivarsi se la temperatura dell’ ambiente si fa troppo calda, le finestre chiudersi da sole se i sensori rilevano pioggia, oppure se lo decidiamo noi da remoto.

Addirittura possiamo rispondere al citofono di casa anche se siamo assenti grazie ai nuovi prodotti che si connettono ad Internet via wifi. La telecamera posta davanti ci fa vedere chi è chi si è presentato sulla soglia. A quel punto possiamo anche decidere di aprire la porta oppure rispondere con la voce facendo finta di essere in casa, in realta magari siamo a migliaia di chilometri.

netatmo

netatmo cronotermostato wifi via internet

Controllare la caldaia a distanza via internet

Netatmo è un cronotermostato wifi che sostituisce quello vecchio. E’ dotato di trasmettitore ricevitore wireless che si collega con il router adsl di casa. E’ contrallabile e programmabile da remoto via Internet, con una semplice app installabile su smartphone. Possiamo quindi accendere e spegnere da distanza la caldaia, programmare la temperatura e tante altre cose che ci fanno risparmiare tantissimo sulla bolletta del gas. Pensate ad esempio se oggi si decide di non tornare a casa o di tornare tardi. Possiamo spegnere i termosifoni, oppure, al contrario si rincasa presto e si vuole avere la casa calda.