I sistemi Anti Intrusione a Raggi infrarossi

sensori_esterniColoro che vivono al piano terra o in ville, che hanno un facile accesso dall’ esterno hanno il terrore delle intrusioni. Ladri e malintenzionati hanno infatti vita facile per penetrare all’ interno delle abitazioni.

Proprio per questo sono stati progettati allarmi in grado di “neutralizzare” qualsiasi tentativo. Uno degli ultimi ritrovati tecnologici è rappresentato dalle barriere perimetrali a raggi infrarossi. Cerchiamo di capirne di più sul loro funzionamento e sulle possibili applicazioni per la sicurezza della casa.

Un sistema di antifurto è composto da centralina, sensori, contatti magnetici e sirena. I più complessi possono avere anche telecamere di sorveglianza che inviano costantemente via Internet video, suono ed immagini della zona sorvegliata. I sensori sono quelli che controllano i movimenti ed, in caso di intrusione, inviano un segnale di allarme alla centrale. La stessa provvederà a far “suonare” la sirena e nel contempo ad inviare una chiamata tramite il combinatore telefonico a dei numeri prestabiliti.

Come detto il sensore si occupa del controllo esterno. Se qualcuno entra nell’ area controllata invia un allarme. I rilevatori o sensori sono, nella maggiorparte dei casi, dei Pir ovvero “passive infrared“. Un sensore che è in grado di rilevare a distanza la variazione di calore. Dato che ogni corpo umano emette calore, il sensore tramite emissione a raggi infrarossi si accorge della presenza.

Nel caso delle barriere perimetrali, soprattutto quelle utilizzate all’esterno per proteggere muri e balconi, i sensori sono attivi. Ci sarà un emettitore ed un ricevitore. Quando il fascio di raggi infrarossi viene interrotto, si invia un segnale di allarme.

Queste barriere sono tarate in modo da non creare falsi allarmi, “funzione pet immune”, quando passano degli animali di fronte a loro. Cani, gatti ed uccelli potrebbero far credere che ci sia un presenza umana quando invece non è così. Sono inoltre resistenti ad intemperie e getti d’acqua ed hanno la funzione antistrappo e anti sabotaggio.

Alcuni sensori sono anche a microonde, ovvero doppia tecnologia combinata con i raggi infrarossi. L’allarme scatterà solo quando sono verificate le due condizioni, infrarossi e microonde. Ciò se da un lato abbassa la “sensibilità” dell’ allarme, dall’ altro lato garantisce un’immunità ai falsi allarmi.

Il prezzo dei sistemi anti intrusione a raggi infrarossi è piuttosto economico. Una coppia di rilevatori costa circa 150 euro di buona qualità. Una centrale invece ha un prezzo compreso tra 300 e 700 euro mentre una sirena costa circa 100 euro. Potete anche usufruire delle detrazioni fiscali del 50% per coloro che acquistano questi apparati di sicurezza.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s