Come risparmiare energia elettrica in Casa

Le case degli italiani diventano più tecnologiche e green con elettrodomestici e impianti sempre più verdi e “parsimoniosi”, in grado di garantire altre prestazioni e un elevato comfort termico, ma soprattutto grazie alla domotica: quasi il 60% degli immobili di nuova costruzione (+16% negli ultimi due anni) ha almeno un elemento di automazione che permette di risparmiare fatica, soldi ed energia

II risparmio sulla bolletta, a fronte di una spesa iniziale che varia dai 10 ai 50.000 euro, può arrivare fino al 20%. Si va dalla climatizzazione ai sistemi di apertura e chiusura automatica di porte, finestre, tapparelle e tende da sole ad elementi più complessi come antifurti e strumenti di telesorveglianza, di coordinamento per il funzionamento degli elettrodomestici e per la distribuzione dell’energia elettrica. La regione italiana più domotica? Il Trentino Alto Adige, dove il 78% degli immobili di nuova costruzione ha almeno un elemento.

Per non parlare poi degli impianti fotovoltaici, il cui prezzo, è sceso fino a superare di poco 1 euro per ogni watt.

Consigli per risparmiare energia elettrica:

  • Scegliere l’illuminazione a led: con una vita media di 100.000 ore, le lampadine a led illumineranno la casa per decine di anni senza produrre scorie e inquinare.
  •  Spegnere le luci quando non servono. Spegnendo 5 lampadine lasciate inutilmente accese si risparmiano circa € 60 all’anno evitando l’emissione di 400 kg di C02 ogni anno.
  • Non lasciare gli apparecchi in standby. Un televisore acceso per tre ore al giorno e in standby per le rimanenti 21 ore consuma circa il 40% della sua energia nel modo standby.
  • Spegnere il computer quando ci si assenta dall’ufficio per riunioni lunghe o all’ora di pranzo. Si possono tagliare i consumi quotidiani fino al 20%.
  • Sfruttare al massimo la luce naturale scegliendo muri, soffitti e pavimenti chiari.

  • Usare un ventilatore: un condizionatore medio funziona a 1000 W, provocando circa 50 gr di emissioni di C02 all’ora con un costo orario di circa €0,10.

I migliori Droni e Robot da acquistare su Internet

droniPer chi ama smanettare con gli automi, veri e propri robot fai date, il mercato offre svariati prodotti assemblabili dalle notevoli potenzialità. Peculiare è la serie Mindstorms di Lego, che consente di costruire robot e programmarli attraverso PC o smartphone. Utilizzando una vasta serie di mattoncini dotati di sofisticati sensori e servomotori, si possono generare dispositivi incredibilmente complessi.

La versione EV3, commercializzata recentemente, può addirittura interfacciarsi con Windows 8.1, grazie ad apposite API, trasformandosi in un dispositivo di sorveglianza mobile. Altri kit di montaggio utilizzano piattaforme come Arduino e Raspberry Pi per consentire di creare automi compatti e dai prezzi contenuti, ideali per sbizzarrirsi in esperimenti di robotica casalinghi.

Il drone della Parrot invece è un quadricottero volante dotato di telecamera per videosorveglianza che riprende dall’ alto qualsiasi luogo con un’autonomia di circa 30 minuti. Il Parrot 2.0 Ardrone ha anche il Gps e una telecamera che riprende a 720p e si guida con il tablet o smartphone in maniera molto semplice, arrivando ad un’altezza di circa 50 metri se parte da terra.

TECHNOLOGIES ZIPHIUS: Ziphius è un affascinante automa subacqueo pensato per l’intrattenimento e il tempo libero. Il suo controllo avviene tramite un’app per iPad e Android che mostra le immagini in tempo reale riprese dalla videocamera del drone. Grazie al suo raggio d’azione di oltre 100 metri e alla sua autonomia di un’ora, può essere utilizzato per esplorare le profondità marine, acquisendo foto e video da pubblicare poi sulle reti sociali.

KILUCK CORP. RAPIRO: È un piccolo automa multiuso dal comportamento programmabile. Il cervello del robot è basato su una scheda Raspberry Pi situata nella testa, a cui è possibile associare una Raspbeny Pi Camera per usarlo come dispositivo di sorveglianza. Collegando un dongleWi-Fio Bluetooth a una delle due porte USB è possibile controllarlo in remoto con uno smartphone o un joypad. Alle porte USB è possibile collegare altre periferiche.

OBOTIS BIOLOID: Prodotto dalla coreana Robotis, Bioloid è un kit sviluppato per scopi didattici e amatoriali. Caratteristica
Jpeculiare del robot è la sua struttura basata su componenti e servomeccanismi che possono essere assemblati  in varie configurazioni, creando automi antropomorfi o dotati di ruote. La programmazione avviene attraverso il software RoboPlus, basato sul linguaggio C. Bioloid è venduto in varie tipologie di kit che si differenziano per quantità di pezzi e prezzo. La sua estrema flessibilità lo rende ì particolarmente apprezzato dagli appassionati di robotica.

LEGO MINDSTORMS NXT2.0: È la seconda generazione della serie di robot assemblagli Lego Mindstorms. Il kit contiene 619 pezzi che comprendono un cervello, il NXT Intelligent Brick, e vari tipi di sensori e servomotori, che consentono di assemblare svariati tipi di automi e macchinari. La sua programmazione può avvenire attraverso il software NXT-G incluso o mediante numerose applicazioni realizzate da terze parti. È imminente la commercializzazione della terza generazione del kit, chiamata Mindstorms EV3, che può essere controllata in remoto con dispositivi iOS e offre un’elevata integrazione con Windows 8.1.

COMPLUBOT ARDUINO ROBOT Creato dall’associazione di robotica educativa Complubot, è un automa open source basato su piattaforma Arduino e, di conseguenza, liberamente modificabile. La sua gestione avviene attraverso due schede madri: una dedicata al controllo dei sensori e all’interpretazione dei comandi, l’altra gestisce il motore delle due ruote.